Come posso massimizzare i benefici fiscali derivanti dall’acquisto di un immobile da mettere a reddito nel centro storico di Lucca?

Aprile 8, 2024

Siete proprietari di un immobile nel centro storico di Lucca o state progettando di diventarlo? State pensando di metterlo a reddito ma non siete sicuri di come massimizzare i benefici fiscali derivanti da questa operazione? Questo articolo vi offre una guida dettagliata su come poter ottenere il massimo risparmio fiscale relativo alla locazione del vostro immobile.

La cedolare secca: un vantaggio da considerare

La cedolare secca è un’imposta sostitutiva dell’IRPEF sui redditi di locazione introdotta con il Decreto Salva Italia del dicembre 2011. Può essere molto conveniente per chi possiede un immobile da mettere a reddito.

En parallèle : In che modo le nuove linee guida per gli affitti commerciali influenzeranno il mercato immobiliare?

Il meccanismo di funzionamento della cedolare secca è semplice: sostituisce l’applicazione dell’IRPEF e delle relative addizionali sul reddito da locazione con un’imposta unica, il cui importo è determinato applicando un’aliquota fissa sul canone di locazione stipulato nel contratto.

Da marzo 2014, la cedolare secca può essere applicata anche ai contratti di locazione di immobili situati nei centri storici di comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti. È proprio il caso di Lucca.

Cela peut vous intéresser : Come posso sfruttare l’incremento dei fondi europei per la rigenerazione urbana per investire a Bari?

Inoltre, l’applicazione della cedolare secca comporta anche l’esenzione dall’IMU, l’Imposta Municipale Unica. Dunque, la scelta di optare per la cedolare secca permette di ottenere un significativo risparmio fiscale.

Gli interventi di ristrutturazione: una possibilità da non sottovalutare

Un altro modo per massimizzare i benefici fiscali derivanti dall’acquisto di un immobile da mettere a reddito può essere quello di effettuare interventi di ristrutturazione. Infatti, la normativa fiscale italiana prevede una serie di detrazioni fiscali per chi effettua interventi di restauro e ristrutturazione edilizia.

Il comma 1 dell’articolo 16 del Decreto Legge 63 del 4 giugno 2013 ha introdotto una detrazione del 50% per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi quelli diretti alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato da eventi calamitosi.

Inoltre, nel caso in cui l’immobile sia situato in una zona di particolare interesse storico o artistico (come il centro storico di Lucca), è possibile usufruire di una detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica.

L’importanza di una buona consulenza fiscale

Sebbene le opportunità di risparmio fiscale legate alla locazione di un immobile siano numerose, è importante ricordare che la normativa fiscale è molto complessa e in continua evoluzione. Per questo motivo, può essere molto utile avvalersi del supporto di un professionista del settore fiscale.

Un consulente fiscale può aiutarvi a comprendere meglio le varie opzioni a vostra disposizione e a scegliere quella più conveniente in base alle vostre esigenze specifiche. Può inoltre aiutarvi a gestire tutte le questioni amministrative e burocratiche legate alla locazione del vostro immobile, garantendovi così una maggiore tranquillità.

L’opzione del regime forfettario

Un’altra possibilità da considerare per massimizzare i benefici fiscali derivanti dalla locazione di un immobile è l’opzione per il regime forfettario. Questa opzione, introdotta con il Decreto Legge 34 del 30 aprile 2019, consente di applicare un’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali al 20% sui redditi derivanti da locazione di immobili.

Il regime forfettario può essere particolarmente conveniente nel caso in cui il canone di locazione sia particolarmente elevato. Infatti, l’aliquota del 20% è fissa e non aumenta all’aumentare del reddito, come invece avviene con l’IRPEF.

Inoltre, i redditi da locazione soggetti al regime forfetario non concorrono alla formazione del reddito complessivo del contribuente e quindi non influenzano l’applicazione delle eventuali altre imposte o contributi dovuti.

Ricordate che sia per l’opzione della cedolare secca, sia per quella del regime forfettario, è necessario comunicare la propria scelta all’Agenzia delle Entrate entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

In conclusione, le opportunità di risparmio fiscale per chi possiede un immobile da mettere a reddito sono diverse e possono essere molto significative. Tuttavia, per poterle sfruttare al meglio, è necessario conoscere a fondo la normativa fiscale e fare le scelte più adatte alle proprie esigenze. Per questo motivo, può essere molto utile avvalersi del supporto di un professionista del settore fiscale.

Superbonus ed Ecobonus: incentivi per la riqualificazione energetica

Oltre alla cedolare secca e agli incentivi per gli interventi di ristrutturazione, è possibile beneficiare di ulteriori incentivi fiscali se si effettuano lavori di riqualificazione energetica. Tra questi, due particolarmente significativi sono il Superbonus 110% e l’Ecobonus.

L’Ecobonus è un incentivo sotto forma di detrazione fiscale per interventi di riqualificazione energetica degli edifici. Viene riconosciuto un credito d’imposta, variabile in base alla tipologia di intervento, a coloro che effettuano lavori di miglioramento dell’efficienza energetica dell’immobile.

Il Superbonus 110%, invece, è un incentivo introdotto dal Decreto Rilancio (articolo 119, comma bis) che prevede una detrazione fiscale del 110% per determinati interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico. Gli interventi che rientrano in questa categoria comprendono l’installazione di pannelli solari, la sostituzione degli infissi e l’isolamento termico dell’edificio.

Entrambi questi incentivi possono essere trasformati in uno sconto in fattura, applicato direttamente dall’impresa che esegue i lavori, o in un credito d’imposta trasferibile, che può essere ceduto a terzi, inclusi istituti di credito.

Per usufruire di questi incentivi, è necessario presentare una specifica richiesta all’Agenzia delle Entrate, seguendo le indicazioni fornite dall’articolo 16 del Decreto Legge 63 del 4 giugno 2013.

La locazione a canone concordato: un ulteriore strumento di risparmio fiscale

La locazione a canone concordato è un altro strumento che può portare a significativi risparmi fiscali. Questa tipologia di contratto di affitto, prevista dal Decreto Legge 133 del 2014, consente di applicare la cedolare secca con un’aliquota ridotta del 10% invece che del 21%, a condizione che l’immobile sia situato in una zona con mercato immobiliare rilevante, come è il caso del centro storico di Lucca.

Per avvalersi di questa opzione, è necessario che il canone di locazione sia stabilito in base alle tabelle dei valori locativi approvate dal Comune. Il contratto deve inoltre avere una durata di almeno tre anni più due di rinnovo e deve essere registrato all’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, con la locazione a canone concordato, si ha diritto anche all’esenzione dall’imposta di registro e all’abbattimento del 25% dell’Imu.

Conclusione

Mettere a reddito un immobile nel centro storico di Lucca può offrire numerose opportunità di risparmio fiscale. Tra queste, la cedolare secca, le detrazioni per gli interventi di ristrutturazione, il Superbonus 110% e l’Ecobonus per la riqualificazione energetica, e la locazione a canone concordato.

Tuttavia, conoscere a fondo la normativa fiscale e fare le scelte più adatte alle proprie esigenze non è sempre facile. Per questo motivo, può essere molto utile avvalersi del supporto di un professionista del settore fiscale, che possa guidarvi in questo percorso e aiutarvi a massimizzare i benefici fiscali derivanti dalla locazione del vostro immobile.

Ricordate inoltre che la normativa fiscale è in continua evoluzione e che è quindi importante mantenersi sempre aggiornati sulle ultime novità in materia di incentivi e detrazioni fiscali.